Il 28 ottobre la presentazione di “L’affaire Pontelandolfo” di Silvia Sonetti

Giovedì 28 ottobre 2021, alle ore 18.00, verrà presentato, in presenza e in modalità streaming sulla pagina Facebook e sul canale YouTube della Fondazione, il volume L’affaire Pontelandolfo. La storia, la memoria, il mito (1861-2019) di Silvia Sonetti (Viella, Roma 2020). Con l’autrice ne discuterà Andrea Ungari, professore ordinario di Storia contemporanea nella Università degli Studi “G. Marconi” di Roma e direttore della Fondazione.

In ottemperanza alle normative in vigore, ricordiamo che per partecipare in sala sarà obbligatorio esibire la certificazione verde per il Covid-19 (green pass). L’accesso sarà consentito solo su prenotazione e fino al raggiungimento della capienza massima prevista per le norme sul distanziamento interpersonale (info e prenotazioni: info@fondazionespirito.it).

Il libro

Il 7 agosto del 1861, Pontelandolfo, un piccolo paese del Sannio, fu invaso dai briganti. Per una settimana fu teatro di violenze, saccheggi e uccisioni fino a quando l’esercito italiano represse la rivolta filoborbonica che da un paio di mesi coinvolgeva buona parte delle vecchie province napoletane. Si trattò di una vicenda minore, ampiamente discussa all’epoca dei fatti e poi dimenticata. Nonostante questo, Pontelandolfo è diventato un caso clamoroso di fake history a uso mediatico-politico che confermerebbe l’esistenza di una storia meridionale fatta di stragi, eccidi e massacri insabbiati dai vincitori e dalla storia ufficiale. Attraverso nuove fonti d’archivio, documenti e memorie, questo libro ricolloca quell’episodio al giusto posto e con le giuste dimensioni all’interno del suo contesto, la guerra di brigantaggio combattuta nel Mezzogiorno postunitario. E racconta come e perché il paese sia diventato un luogo simbolico e mitico per coloro che trovano nella critica al Risorgimento il motore di un originale impegno sociale, identitario e politico.

L’autrice

Silvia Sonetti è docente a contratto di Digital and Public History e di Storia e civiltà contemporanea nella Università di Salerno. Si occupa della storia della monarchia borbonica e della violenza e mobilitazione politica nel Mezzogiorno risorgimentale. I suoi interessi riguardano il conflitto civile meridionale nella crisi dell’unificazione, il brigantaggio post-unitario e la storia politico- istituzionale del Regno delle Due Sicilie. Oltre al volume su Pontelandolfo, ha pubblicato La guerra per l’indipendenza. Francesco II e le Due Sicilie nel 1860(Rubbettino, 2020).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *