Stefano Tomassini, Storia avventurosa della rivoluzione romana. Repubblicani, liberali e papalini nella Roma del ’48 (Saggiatore 2008) con Giuseppe Parlato e Franco Tamassia

Giovedì 6 novembre 2008, Giuseppe Parlato e Franco Tamassia hanno incontrato Stefano Tomassini per la presentazione del suo ultimo libro Storia avventurosa della rivoluzione romana. Repubblicani, liberali e papalini nella Roma del ’48, (Saggiatore 2008).

Tomassini ha ricostruito le vicende di una delle pagine più significative del Risorgimento con un saggio storico di grande rigore scientifico che non trascura nessun aneddoto per scorrere piacevolmente quasi fosse un romanzo. Nel volume, la storia della Repubblica romana viene sviscerata e documentata in modo analitico e puntuale per essere raccontata con una notevole prosa narrativa.

Stefano Tomassini, giornalista e autore televisivo, è un appassionato studioso di storia contemporanea. Ha scritto numerosi saggi e pubblicazioni, fra le più recenti ricordiamo i volumi: Istria dei miracoli. Viaggio in una terra di mezzo (Il Saggiatore 2005); Amor di Corsica. Viaggi di terra, di mare e di memoria (Feltrinelli 2000). Inviato Rai e caporedattore per gli esteri del TG1 attualmente è autore della trasmissione Ballarò.

 

Recensioni

Federico Geremicca, Cappa e spada ai tempi di Pio IX,
in “La Stampa.it”, 10 giugno 2008

Andrea Paris, Le radici della libertà. Per un’interpretazione del pensiero di Augusto Del Noce (Marietti 2008) con Giovanni Dessì

Giovedì 16 ottobre 2008 per il ciclo di incontri I giovedì della Spirito, Andrea Paris ha presentato il volume Le radici della libertà. Per un’interpretazione del pensiero di Augusto Del Noce (Marietti 2008).

Andrea Paris, insieme a Giovanni Dessì, direttore della Fondazione Spirito, ha illustrato il tema della libertà culturale e politica nell’interpretazione di Del Noce offrendo un’interpretazione suggestiva di uno degli intellettuali italiani più significativi del Novecento.

Paolo Buchignani, La rivoluzione in camicia nera. Dalle origini al 25 luglio 1943 (Mondadori 2007) con Gianni Scipione Rossi

Giovedì 11 settembre 2008 la riapertura del ciclo dei Giovedì della Spirito sul tema Un libro un autore fra storia e attualità ha ospitato Paolo Buchignani per la presentazione del volume La rivoluzione in camicia nera. Dalle origini al 25 luglio 1943, (Mondadori 2007).

Buchignani, studioso e storico del fascismo, ha fornito una visione d’insieme analitica e puntuale degli aspetti tradizionali e rivoluzionari del fascismo delle origini; all’incontro ha partecipato il giornalista e scrittore esperto della destra italiana Gianni Scipione Rossi che ha presentato il volume con una panoramica dei principali nodi critici e teorici relativi all’interpretazione del fascismo.

Paolo Buchignani, storico e scrittore, si occupa di storia politica e culturale del fascismo, è autore di numerosi saggi e volumi fra i quali ricordiamo Un fascismo impossibile. L’eresia di Berto Ricci nella cultura del ventennio (Il Mulino 1994) e la riedizione di Fascisti rossi. Da Salò al PCI, la storia sconosciuta di una migrazione politica 1943-53 (Mondadori 2007).

Antonio Carioti, Gli orfani di Salò. Il Sessantotto nero dei giovani neofascisti nel dopoguerra 1945-1951 (Mursia 2008) con Giuseppe Parlato e Gianni Scipione Rossi

Giovedì 26 giugno 2008 nell’ambito degli Incontri della Spirito sul tema Un libro un autore fra storia e attualità, Antonio Carioti, insieme a Giuseppe Parlato e Gianni Scipione Rossi, ha presentato il volume Gli orfani di Salò. Il Sessantotto nero dei giovani neofascisti nel dopoguerra 1945-1951 (Mursia, 2008).

Carioti ha rievocato le vicende politiche dei giovani neofascisti nell’immediato dopoguerra fornendo una ricostruzione particolareggiata di quel movimento ideale fatto di patriottismo ed elementi diversi che ha animato i giovani di destra nelle piazze e nelle università, anticipando per certi versi alcuni temi della contestazione del Sessantotto.

Nell’ampio e vivace dibattito seguito alla presentazione sono emerse molte delle caratteristiche meno note ed inusuali della destra giovanile e di base italiana.

 

Recensioni

Giovanni Belardelli, Reduci di Salò, precursori del ’68,
in “Corriere della Sera”, 3 maggio 2008

Luciano Lanna, Almirante, Romualdi e quegli altri ragazzi…,
in “Secolo d’Italia”, 21 maggio 2008

Roberto Chiarini, Vivere al tempo della Rsi (La Compagnia della Stampa, Roccafranca 2007) con Giuseppe Parlato

Martedì 20 maggio 2008 Gli Incontri della Spirito sul tema Un libro un autore fra storia e attualità, hanno ospitato Roberto Chiarini, ordinario di Storia contemporanea dell’Università statale di Milano e Presidente del Centro studi e documentazione per la storia della RSI di Salò, per presentare il volume Vivere al tempo della RSI (La Compagnia della Stampa, Roccafranca 2007) scritto e curato in collaborazione con Marco Curzi.

L’autore ha ricostruito un quadro inedito della vita quotidiana degli italiani che dopo l’8 settembre si trovarono dall’altra parte, raccontando le difficoltà dell’Italia degli sconfitti di trascinarsi fuori dalla guerra.

Ha introdotto la presentazione e partecipato al dibattito lo storico Giuseppe Parlato, Presidente della Fondazione Spirito e Rettore della Libera Università S. Pio V di Roma.

Cristina Baldassini, L’ombra di Mussolini. L’Italia moderata e la memoria del fascismo (1945-1960), (Rubbettino, 2008) con Giuseppe Parlato e Giovanni Belardelli

Mercoledì 23 aprile 2008 per il ciclo di appuntamenti Gli Incontri della Spirito sul tema Un libro un autore fra storia e attualità, gli storici Giuseppe Parlato e Giovanni Belardelli hanno presentato il volume di Cristina Baldassini, L’ombra di Mussolini. L’Italia moderata e la memoria del fascismo 1945-1960, (Rubbettino 2008).

Cristina Baldassini, dottore di ricerca in Storia politica dell’età contemporanea, ha illustrato con doti di sinteticità e chiarezza un aspetto spesso trascurato della storia del post fascismo, quella relativa all’Italia dei moderati, di coloro che tiepidamente si erano assestati su una posizione mediana di giudizio e di critica rispetto al ventennio. Quella illustrata dal volume della Baldassini è l’Italia di coloro che non erano stati completamente né fascisti né antifascisti incarnando, piuttosto, la memoria “terza” del regime ed altera pars rispetto alla divaricazione fascismo versus antifascismo. Fra i meriti del volume quello di evidenziare come il giudizio e la memoria del fascismo da parte di un segmento così numeroso e significativo dell’Italia del dopoguerra abbiano influenzato considerevolmente anche l’età repubblicana.

Questo è solo uno dei numerosi nodi problematici emersi nel dibattito – animato da Giuseppe Parlato e Giovanni Belardelli – che ha fatto seguito all’esposizione della giovane autrice. Significativo, infine, il richiamo costante alle fonti utilizzate dall’autrice, lo spoglio sistematico di periodici e rotocalchi popolari dai quali si è evidenziata un’Italia insieme più indulgente verso il fascismo e più timorosa verso la Repubblica. Un atteggiamento che ha pesato a lungo sul rapporto fra base sociale e classe dirigente.

 

Recensioni

Gianni Scipione Rossi, Il ventennio fascista e la “memoria debole”,
in “Il Giornale dell’Umbria”, 5 aprile 2008

Giovanni Belardelli, Il fascismo “umano” dei rotocalchi tutto baci e lacrime,
in “Corriere della Sera”, 7 aprile 2008

Tommaso Montesano, Il duce buono nei giornali anni ’50,
in “Libero Quotidiano”, 10 aprile 2008

Gianni Marongiu, La politica fiscale del fascismo (Marco Editore, 2007) con Piero Craveri, Francesco Perfetti e Giuseppe Parlato

Mercoledì 12 marzo 2008 nell’ambito degli Incontri della Spirito sul tema Un libro un autore fra storia e attualità, gli storici Giuseppe Parlato e Francesco Perfetti hanno presentato il volume di Gianni Marongiu, La politica fiscale del fascismo (Marco Editore 2007).

Marongiu, ordinario di diritto tributario dell’Università di Genova, tra i massimi esperti di storia economica italiana, ha sottolineato la discrasia fra realtà e progettualità del fascismo sotto il profilo della politica fiscale e dei tributi.
L’ambizioso progetto di riforma fiscale del ’36, nonostante le due innovazioni più rilevanti, l’anagrafe tributaria ed il contingente di studio, rimase al livello di progetto al pari dei grandi obiettivi di rigenerazione morale e costruzione dell’uomo nuovo, dei sogni di grandezza e d’impero fatti propri dalla rivoluzione fascista.

Nel dibattito, si è evidenziata, al contrario, la lungimiranza e l’accortezza della prima classe dirigente dell’Italia unita nei suoi tentativi di modernizzare il paese, inserirlo nel contesto europeo e produrre un meno retorico ed avventuroso sviluppo delle coscienza nazionale e del senso civico sulla base del binomio patria e libertà.

Aldo Giovanni Ricci, Obbedisco. Garibaldi eroe per scelta e per destino (Palombi, Roma 2007) con Giuseppe Parlato

Giovedì 7 febbraio 2008 gli Incontri della Spirito hanno ospitato la presentazione dell’ultimo volume di Aldo Giovanni Ricci, Obbedisco. Garibaldi eroe per scelta e per destino (Palombi, Roma 2007).

L’autore, Sovrintendente dell’Archivio Centrale dello Stato e docente di Storia dei movimenti e dei partiti politici, ha ricostruito il profilo biografico ed intellettuale dell’eroe risorgimentale enfatizzandone gli aspetti più originale e suggestivi.

Nell’incontro, introdotto da Giuseppe Parlato, sono emerse le diverse strumentalizzazioni politiche subite dai principali protagonisti del Risorgimento sottolineando l’importanza di liberare il mito del Risorgimento dalle distorsioni interpretative per restituire alla storia un giudizio sereno e distaccato sulle radici della nostra nazione.

Mario Bozzi Sentieri, Dal neofascismo alla nuova destra. Le riviste 1944-1994 (Nuove Idee, 2007) con Gianni Scipione Rossi

Giovedì 31 gennaio 2008 per gli Incontri della Spirito, hanno ospitato la presentazione dell’ultimo volume di Mario Bozzi Sentieri, Dal neofascismo alla nuova destra. Le riviste 1944-1994, (Nuove Idee, Roma 2007).

L’incontro, introdotto da Gianni Scipione Rossi, giornalista e vicedirettore di “Rai Parlamento”, ha dato vita ad un ampio e vivace dibattito che partendo dall’analisi delle principali testate giornalistiche e controcorrente della destra del secondo dopoguerra ha sviluppato il tema dell’identità vecchia e nuova della destra italiana fra radici storiche e dinamiche dell’attualità più recente.

Andrea Ciampani (a cura di), Mario Romani: il sindacalismo libero e la società democratica (Roma, Lavoro, 2007) con Giuseppe Parlato

Giovedì 29 novembre 2007 per gli Incontri della Fondazione Spirito sul tema Un libro, un autore fra storia e attualità, hanno ospitato la presentazione del volume di Andrea Ciampani, Mario Romani. Il sindacalismo libero e la società democratica, (Roma, Lavoro, 2007).

La discussione, introdotta da Giuseppe Parlato, si è incentrata sul ruolo del sindacato nella società contemporanea in relazione alle dinamiche più recenti del processo di democratizzazione, di sviluppo economico e globalizzazione.

I diversi contributi raccolti nel volume dal curatore Andrea Ciampani sono stati brillantemente collegati fra loro ed illustrati nelle loro linee interpretative contribuendo alla definizione di un profilo originale e ancora attuale di Mario Romani.